Scozia: dove il sole (non) è un miraggio

Paesaggi unici, meraviglie della natura, prati, castelli, boschi, pascoli e soprattutti laghi. In un viaggio on the road da Edinburgo all’Isola di Skye, da Inverness ad Aberdeen.
Continua a leggere Scozia: dove il sole (non) è un miraggio

Christmas in New York

Mille luci, mille colori, mille suoni, mille etnie. Ma anche mille problemi e mille sfaccettature. È la New York di fine 2010, che ho avuto modo di visitare in lungo e in largo qualche giorno fa, nel periodo pre-natalizio.

Una New York affascinante, con i suoi palazzi, i grattacieli, le vetrine luccicanti di Manhattan, i ricconi e i loro regali di Natale alla gioielleria Tiffany. E poi la New York dei quartieri periferici, dei ragazzi difficili, della crisi economica che sta così tanto facendo soffrire gli americani (forse perché non l’hanno mai vissuta). La New York iper-controllata dei tanti poliziotti ad ogni angolo della strada (a Manhattan, non in periferia!), delle perquisizioni senza motivo all’interno della metropolitana e dei cartelli di avviso: “Se vedi qualcosa, anche la più insignificante, segnalala”. E poi la New York culinaria, artistica, musicale.

Continua a leggere Christmas in New York

Berlino e Dresda a -10°

A una settimana dal viaggio a Berlino e Dresda pubblichiamo una galleria fotografica insieme a qualche riflessione. Non bastano cinque giorni per visitare Berlino: si tratta di una città che va vissuta, va assaporata, va percorsa in lungo e in largo (cosa che durante il viaggio è stata molto difficile, considerati i 30 centimetri di neve caduti incessantemente per tutta la settimana).

Una città modernissima, che sta rinascendo dalle ceneri di due città, la Berlino Est e la Berlino Ovest di cui si è tanto parlato nei mesi scorsi, completamente diverse tra loro.

Continua a leggere Berlino e Dresda a -10°

La colta e grassa Bologna

Qualche giorno fa sono stato a visitare Bologna. Era da qualche tempo che volevo farlo, era forse l’unica grande città italiana che mi mancava. Ne sono rimasto affascinato. Dal fermento culturale, innanzitutto. E poi da una città a misura d’uomo che invoglia a passeggiare, a scoprire i vicoli, ad assaggiare ogni singola prelibatezza.

Di seguito la galleria fotografica.

Burt Bacharach a Umbria Jazz, Riviera del Conero, Fabriano, Appennino nascosto

Queste fotografie si riferiscono al viaggio, da cui sono appena tornato, di qualche giorno in alcune zone molto belle del centro Italia.

Prima tappa: concerto di Burt Bacharach a Umbria Jazz a Perugia.

A seguire: quattro giorni di assoluto relax sulla riviera del Conero, in provincia di Ancona. Città e spiagge come Portonovo, Sirolo e Numana sono davvero il massimo per un po’ di relax in posti con il mare molto bello ma non eccessivamente affollati.

Di ritorno, per concludere il viaggio, due giorni nell’Appennino umbro-marchigiano più nascosto e remoto d’Italia, da Fabriano fino a Pergola, Cagli e Frontone, minuscolo paese in cima a una collina, dalla cui piazzetta centrale si può godere di un panorama, a perdita d’occhio, sulle colline circostanti. Una vista davvero impareggiabile!


Visualizzazione ingrandita della mappa

Qui la galleria di foto paesaggistiche che ho caricato su Flickr

Il mio amico Obama

Salaria chiusa, due agenti ogni due metri, elicotteri che volteggiano, tiratori scelti… e io, quasi per caso, in mezzo a tutto questo: è Obama che arriva a Roma, proveniente dall’Aquila, per andare in visita da Benedetto XVI.

Continua a leggere Il mio amico Obama

La processione del Corpus Domini a Campobasso


Fai click sull’immagine per guardare le mie fotografie, scattate il 14 giugno 2009, su Flickr

Nel giorno del Corpus Domini sfilano per le strade di Campobasso, lungo un percorso rituale che inizia dal centro storico, le 13 Macchine dei Misteri, portate a spalla da circa 200 uomini. Sono macchine viventi costituite da una piattaforma di legno su cui è una ossatura metallica variamente conformata, sui cui terminali prendono posto i personaggi viventi che compongono un «quadro» nel quale le figure sembrano sospese nel vuoto.

Durante il percorso i portatori, con ritmo cadenzato dalla banda musicale, procedono velocemente; la disposizione particolare delle stanghe di sostegno (tre per ogni piattaforma) conferisce alle Macchine un movimento sussultorio di particolare effetto.

Continua a leggere La processione del Corpus Domini a Campobasso