La radio grande amore degli italiani. Ogni giorno all'ascolto in 37 milioni

Pubblico quest’interessantissimo articolo – non mio – sulla radio. Buona lettura.


I dati di una ricerca statistica commissionata da Audiradio
L’80% di noi la ascolta: “Fa compagnia, emoziona e non invade”

La radio grande amore degli italiani
Ogni giorno all’ascolto in 37 milioni

ROMA – “Amo la radio, perché arriva tra la gente…”. Lo cantava Eugenio Finardi negli anni Settanta. Erano i tempi delle radio libere, nate da un giorno all’altro per l’iniziativa di ragazzini avventurosi o di belle speranze. Ma oltre trent’anni dopo quell’amore non si è spento. Le radio sono cambiate, e all’entusiasmo vagamente naif sono seguiti business, marketing e professionismo. Ma l’amore è rimasto intatto. Gli italiani adorano la radio. E la prova sono i dati di una ricerca commissionata da Audiradio, l'”auditel” delle emittenti radiofoniche.

Più dell’80% di noi la ascolta. Tantissimi, il 72%, quando sono in casa o quando guidano (il 63%). Ma la radio fa compagnia, informa, rilassa anche mentre si lavora (il 23%), si fa jogging o altri tipi di sport (il 13%), si cammina (il 7%), si va in bici (il 5%). Tra tutto questi, c’è perfino lo “zoccolo duro”: sono il 16% del totale quelli che la ascoltano, ovunque, qualsiasi cosa stiano facendo. Quelli che vivono con al radio accesa.

La ricerca che fa il punto sul rapporto tra gli italiani e la radio sarà presentata da Felice Lioy, presidente di Audiradio, e dal sociologo Enrico Finzi, presidente di Astra Ricerche. “E’ un mezzo sempre più presente nella vita degli italiani – ha detto Finzi – ascoltato da oltre 37 milioni di persone ogni giorno”.

Sulla base dei risultati dell’indagine, realizzata attraverso oltre 2000 interviste a persone dai 15 anni in su, Audiradio ha deciso di dar vita ad una vasta campagna istituzionale a favore della radiofonia che, pur costituendo un fenomeno molto diffuso, e’ ancora ben lungi dall’espletare tutte le sue potenzialità, come invece è avvenuto in molti Paesi europei ed extraeuropei.

Per i suoi ascoltatori – sono spunti della ricerca – la radio è anzitutto un’amica che tiene compagnia (l’85%) e regala emozioni (per il 75% gioia, il 57% ricordi, il 54% fantasia). Un mezzo che procura allegria (per il 78%), divertimento (72%), distrazioni (63%), calma (59%), anti-depressione (52%). Ed è il sottofondo preferito della vita quotidiana: il 77% degli ascoltatori la usa per tenersi informata e il 55% l’utilizza anche per pensare, comprendere, avere nuove idee.

In molti, poi, la preferiscono a tv e cinema: perchè c’è poca violenza (54%), poca volgarità (54%), poche notizie iper-ansiogene e – per definizione – nessuna immagine tragica (40%). Inoltre la radio è sinonimo di libertà per tre ascoltatori su quattro: permette di fare altre cose contemporaneamente (77%), è poco invadente o aggressiva (53%), è articolata nell’offerta di moltissime emittenti (62%). E ancora, la radio, suggerisce e lascia libera l’immaginazione (74%), oltre ad essere insostituibile – e senza concorrenti – per alcuni milioni di lavoratori artigiani, camionisti, taxisti, lavoratori notturni, persone con problemi di vista. Come cantava Finardi, trent’anni fa, la radio insomma “libera la mente”.

(16 novembre 2005)

Lascia un commento