"Fermare i siti che aiutano a costruire bombe"

Chi di voi non si è mai costruito una bomba fatta in casa seguendo istruzioni trovate su internet? No, a parte gli scherzi… stiamo parlando di un argomento serio.

Il commissario per la Giustizia e la Sicurezza nell’Unione Europea, Franco Frattini, ha dichiarato che “la ricerca su internet di istruzioni per creare bombe dovrebbe essere bloccata”. Ora: sappiamo quanto sia importante l’argomento, ma sappiamo anche come bloccare qualcosa su internet possa essere difficile e soprattutto non definitivo.

“Intendo portare avanti – ha spiegato Frattini alla Reuters – un esercizio di esplorazione con il settore privato su come sia possibile usare la tecnologia per evitare che la gente usi o cerchi parole pericolose come bomba, uccidere, genocidio o terrorismo”.

Il problema, dicevamo, è serio. La rete, infatti, sta assumendo sempre maggiore importanza nella strategia terroristica, consentendo ai vari gruppi militanti di condividere nozioni e diffondere propaganda a un pubblico di massa.

La proposta arriverà sul tavolo degli stati membri Ue all’inizio di novembre come parte di una serie di proposte anti-terrorismo, mentre i rappresentanti dell’industria Web s’incontrano già oggi, sesto anniversario degli attentati dell’11 settembre, per l’European Security Research and Innovation Forum.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.