Il Parlamento italiano passa a Linux (e al wi-fi)

Dopo quello francese, anche il Parlamento italiano ha deciso di aprirsi all’open-source. L’Aula di Montecitorio ha approvato un ordine del giorno presentato dai deputati Pietro Folena e Franco Grillini per far sì che nei computer del Parlamento (per adesso, a dire il vero, solo in quelli della Camera) vengano installate distribuzioni di Linux al posto del “classico” Windows con pacchetto Office. La migrazione interesserà circa 3500 computer pubblici tra desktop e server; ogni deputato, inoltre, potrà scegliere di cambiare anche il sistema operativo del proprio computer portatile.

Tra gli aspetti che hanno portato i deputati ad approvare la proposta, innanzitutto il risparmio economico (calcolato in circa 3 milioni di euro l’anno), ma poi anche l’indipendenza e la libertà tecnologica, abbandonando così software considerato da molti “monopolistico” (che male si sposa, in effetti, con la democrazia del Parlamento).

Ovviamente c’è anche una ragione “tecnica”: Linux è considerato molto più sicuro di Windows, soprattutto in un ambiente di lavoro in cui circolano moltissimi documenti riservati.

A quanto riferiscono i colleghi di The Inquirer, la distribuzione scelta sarà SuSE Linux.

Non è tutto: nella stessa riunione è stato dato il via libera al collegamento wi-fi a internet da alcune zone di Montecitorio: il Transatlantico, la buvette, l’emeroteca, il giardino d’onore e i salottini laterali al cortile.

0 pensieri su “Il Parlamento italiano passa a Linux (e al wi-fi)

Lascia un commento