Cercare nel Web in modo assolutamente anonimo? Qualcosa inizia a muoversi

I motori di ricerca – probabilmente lo sapevate già – conservano tutte le tracce delle nostre richieste e dei siti Web visitati per circa 18 mesi. L’archivio comprende indirizzi Ip, chiavi di ricerca, cookies, nomi utente e tutta una serie di dati che possono portare facilmente alla nostra identificazione e tracciabilità.

Se i motori di ricerca conservano queste tracce per motivi di sicurezza, certamente questi dati possono essere però oggetto anche di molte attenzioni da parte di cracker e spammer senza scrupoli che, se venissero in contatto con uno di questi database, avrebbero come per magia e in un attimo una radiografia completa di tutte le nostre attività e dei nostri interessi. Ma ora, da Ask.com, arriva il modo di cercare nel Web in maniera assolutamente anonima.

La nuova funzione, chiamata appunto AskEraser, se attiva cancella ogni forma di nostra attività di ricerca entro poche ore da tutti i server Ask. Una volta impostato il filtro su ON (il link per impostarlo è in alto a destra nella pagina principale del sito), un cookie si ricorderà della nostra scelta e rimarrà attivo per 24 mesi (dopodiché bisognerà impostarlo nuovamente).

Ovviamente esiste anche un sistema analogo per Google, che però non è offerto dal motore di ricerca, bensì da un servizio a parte chiamato Googlonymous, che filtra il nostro Ip in modo che non arrivi ai server di Big G.

Lascia un commento