Chi l’ha detto che i blogger non possono essere anche bravi giornalisti? L’esperienza di Joani Sanchez

→ D@di per Geekissimo.com

Il piccolo antagonismo tra blogger e giornalisti ogni tanto ritorna in primo piano, con i primi che spesso non vogliono essere equiparati ai secondi, e i secondi che non danno autorevolezza ai primi. Una disputa che non stiamo qui a discutere oggi, ma che ci dà l’occasione per parlare di una bella storia che riguarda la blogger cubana Yoani Sanchez, scrittrice di “Generacion Y”.

Autrice di una cronaca pungente sulle difficoltà della vita quotidiana sotto il regime castrista, ha ricevuto sabato uno dei più prestigiosi riconoscimenti giornalistici spagnoli, il premio Ortega et Gasset per il giornalismo digitale assegnato dal quotidiano El Pais. I giurati hanno voluto premiare la sua “ingegnosità nel superare le limitazioni alla libertà di espressione che regnano nell’isola caraibica, il suo stile vivace e la sua volontà di far parte dello spazio mondiale del giornalismo civico”.

“Generacion Y”, blog ospitato su un server tedesco, è talmente popolare che nel solo mese di febbraio ha registrato un milione e duecentomila visitatori. “È un grande incoraggiamento per i blogger cubani, che sono ancora a uno stadio embrionale”, ha commentato a caldo la Sanchez, che ha poi spiegato: “Ciò indica che i blog cubani possono rappresentare una fonte parallela di informazione, di riflessioni e di opinioni indipendenti dai media ufficiali di Cuba”.

All’interno del blog Sanchez, 32 anni, parla della sua vita quotidiana, descrivendo le difficoltà economiche e le limitazioni politiche. Dopo i blog scritti da cinesi, iracheni, afgani e da tante altre persone che vivono in posti dove la libertà di stampa e di opinione non è rispettata, ecco dunque un’altra bella testimonianza di come la Rete possa rivestire un importante ruolo sociale e possa fare del bene mettendo in comunicazione le persone e creando un’opinione libera e diversa da quella dei regimi.

Lascia un commento