I domini più pericolosi del Web, secondo McAfee. Da evitare? Soprattutto Hong-Kong, Cina e Filippine

Quali sono i domini che tendono ad essere più pericolosi sul Web, per via dei tanti server “distributori” di malware? A stilare la speciale classifica è la McAfee, società produttrice di software antivirus, secondo cui al primo posto ci sarebbero i domini con base a Hong-Kong (.hk) con il 19,2 per cento di rischio. A seguire, i domini di Cina (.cn), Filippine (.ph), Romania (.ro) e Russia (.ru). Al contrario, i domini che dovrebbero essere più sicuri (perché meno portatori di malware) sono Finlandia (.fi), Giappone (.jp), Norvegia (.no), Slovenia (.si) e Colombia (.co).

Inoltre, se si fa un calcolo generale e si analizzano tutti i domini, risulta che la possibilità di scaricare spyware, adware, virus e altri tipi di software non desiderato è salita (addirittura!) del 41,5 per cento rispetto al 2007. Anche se la percentuale maggiore di rischio appare sui siti che utilizzano il dominio .hk, non è detto che questi fanno tutti capo alla città di Hong-Kong: molti magari utilizzano società di registrazione siti con base a Hong-Kong magari perché sono convenienti dal punto di vista economico o chiedono pochi documenti per l’avvio delle pratiche.

La maggior parte di questi siti, inoltre, è completamente in inglese (9 siti rumeni su 10 sono in inglese, solo per fare un esempio) e quindi gli utenti dei paesi di lingua anglofona risultano particolarmente “tartassati” ed esposti al malware. Ovviamente non stiamo parlando sempre di siti esageratamente dannosi: si va dal semplice e noioso pop-up a siti che invece scaricano automaticamente software maligno sul computer dell’utente.

E chi pensava che il nostro Paese per una volta era rimasto immune dalle brutte classifiche del Web, ecco che andando avanti nel rapporto si legge che per ogni dieci file scaricati “random” da domini italiani (.it), uno è dannoso per la salute del computer. Mi viene in mente una cosa: non è che questi dati sono un po’ gonfiati, considerato che vengono da uno studio di una società che vende prodotti di sicurezza informatica, e quindi tende a “terrorizzare” gli utenti nella speranza che acquistino sempre più prodotti antivirus?

Lascia un commento