Le informazioni contenute sui nostri computer sono molto più a rischio di quanto pensiamo

→ D@di per Geekissimo.com

È allarme sicurezza per i nostri fedeli computer. Secondo alcune nuove ricerche, infatti, i dati contenuti sarebbero molto più vulnerabili di quanto pensiamo. Ad esempio: lo sapevate che è possibile recuperare abbastanza facilmente tutti i dati contenuti nella Ram? Questa sorta di “memoria volatile”, che come sappiamo tutti immagazzina i dati solo durante il funzionamento del computer, in realtà non li cancella allo spegnimento della macchina.

Alcuni dati importanti, come addirittura le chiavi che servono a decrittare i dati contenuti sull’hard-disk, vengono conservati per diversi minuti dopo lo spegnimento. La crittatura dei dati è uno dei metodi principali con i quali aziende ed enti proteggono il proprio materiale; la scoperta di questi lunghi tempi in cui le chiavi di decrittatura rimangono nella Ram sta mettendo ora in allarme numerosi esperti di sicurezza informatica.

Facciamo un esempio: perdiamo o ci viene rubato il portatile. Sia che questo sia acceso, che sia in standby, basterà togliere e riattaccare la corrente per avere accesso a tutti i dati della memoria, comprese le password: “Quando un computer viene ‘risvegliato’ da uno sleep-mode – spiega Edward Felten, docente all’università di Princeton – cerca immediatamente di proteggere i propri dati. Se, però, durante questa operazione si toglie la corrente e poi la si riattacca, i dati non vengono più protetti e sono lasciati in chiaro nella memoria”. E questo è solo un esempio.

Raffreddare il laptop, addirittura, fino a 50 gradi sotto zero manterrà la memoria per circa dieci minuti. Ma allora, come dobbiamo comportarci se abbiamo delle informazioni confidenziali sul nostro portatile e sappiamo di dover andare in un luogo pubblico come un café, una biblioteca o sul treno? “Spegnete l’apparecchio e aspettate almeno dieci minuti prima di esporvi a rischi – raccomanda Felten – perché bloccando semplicemente lo schermo o mettendo il sistema in standby o ibernazione non serve a nulla dal punto di vista della sicurezza”.

Lascia un commento