Anche tu mentre “lo fai”… vai su Facebook?

Incredibile sondaggio: gli europei mentre fanno l’amore fanno anche altro. Ma voi lettori… smentite!

 

Gli europei? Sono molto distratti, soprattutto sotto le lenzuola. E nel pieno della passione si lasciano spesso e volentieri sviare da altro. Libri, fornelli, tv e social network compresi. È quanto rivela una ricerca elaborata da Akuel Skyn su un grande campione di persone “sessualmente attive” in Francia, Ungheria, Italia, Polonia e Gran Bretagna. E i dati vengono confermati – in parte – anche dal sondaggio che lo Stivale Bucato sta conducendo sul proprio sito Web da alcune settimane.

Gli abitanti del Vecchio Continente, dunque, escono dal sondaggio con le ossa rotte. E a dispetto della fama da grandi amatori, gli italiani non se la cavano certo meglio, anzi si piazzano al secondo posto quanto a sbadataggine col proprio partner: il sei per cento dei nostri connazionali ha addirittura dichiarato (ma sarà vero???) che addirittura aggiorna il proprio profilo Facebook mentre fa l’amore. Il 27 per cento dei maschi italici, invece, ha ammesso di lasciarsi distrarre dalla Tv nel momento clou della passione.

TUTTI I SONDAGGI DE LO STIVALE BUCATO

Non è tutto: oltre a chi naviga su internet, c’è anche chi parla al telefono e persino chi legge libri e riviste. Il dato, lo dicevamo, è stato in parte confermato e in parte smentito dal nostro sondaggio. A vincere il nostro sondaggio, infatti, è stata la disperazione. Il 32 per cento dei nostri lettori, si distrarrebbe pure quando fa l’amore… il problema è che non lo fa da quando c’era il vecchio conio (il sesterzio, non la lira).

Al secondo posto (24 per cento dei voti) chi fa il bravo e si concentra attivamente sul proprio partner. A seguire al terzo posto (22 per cento dei voti) chi invece sotto le lenzuola cerca di fare del proprio meglio… ma se c’è la partita tenere accesa la Tv come sottofondo è d’obbligo!

Pochi, invece, coloro che preferiscono dedicarsi alla cultura durante l’atto: solo il 17 per cento dei nostri lettori. Infine, un po’ in controtendenza con la ricerca presentata, chi controlla la propria pagina Facebook mentre “lo fa”: 5 per cento delle preferenze.

Lascia un commento