eBay dichiara guerra a Google pigliatutto e avvia trattative con Yahoo! e Microsoft

L’indiscrezione pubblicata sul quotidiano “Wall Street Journal”
Il colosso delle aste online starebbe cercando un “degno alleato”

eBay dichiara guerra a Google
trattative con Yahoo! e Microsoft

Ma dopo la trimestrale, il motore di Mountain View vola in Borsa

di DANIELE SEMERARO

NEW YORK – L’inarrestabile Google fa paura? Sembra di sì. Secondo quanto riporta oggi il “Wall Street Journal”, il colosso delle aste online ebay ha avviato trattative separate con Yahoo! e Microsoft (da sempre rivali di Google) per determinare quale dei due giganti della new economy possa essere “l’alleato più degno” per contrastare l’avanzata del “comune nemico”.

eBay, che nel corso degli scorsi anni aveva collaborato con Google, è molto preoccupata dell’intraprendenza del motore di ricerca di Mountain View nel settore della pubblicità in rete. Così, stando al quotidiano newyorkese, le trattative tra i colossi sono iniziate già in autunno, e potrebbero sfociare in una sorta di mega-alleanza nella quale eBay aumenterebbe gli investimenti nel settore pubblicitario assieme al partner scelto e offrirebbe un prezioso accesso al database dei suoi clienti.

Le controparti, spiega ancora il “Wall Street Journal”, potrebbero inoltre procedere a un’integrazione di carattere tecnico dei rispettivi sistemi al fine di poter offrire al meglio il pacchetto di servizi. Ancora non è chiaro a quanto ammonteranno gli investimenti e neppure se le parti decideranno di consolidare l’alleanza con una partecipazione azionaria incrociata.

Quello tra eBay e Google è un rapporto di amore-odio, che oscilla tra competizione e cooperazione. Stando al “Wall Street Journal”, infatti, i tecnici di eBay considerano Google tecnologicamente superiore alla compagnia di aste online. E questo la rende sicuramente più appetibile agli occhi degli inserzionisti. “Attualmente – sostiene il quotidiano – eBay si trova in una posizione curiosa, dove negozia alleanze per proteggersi da Google, trattandoci però allo stesso tempo per consolidare i legami”.

Inoltre, per Jeff Lanctot, direttore generale dell’agenzia di pubblicità online “Avenue A/Razorfish”, per Ebay Google “rappresenta un’eccezionale opportunità nel breve termine, ma forse la più grande minaccia nel lungo raggio”.

Intanto il titolo di Google in Borsa vola anche oggi, dopo che già ieri a New York nell’after-hours aveva segnato un forte rialzo, in seguito alla diffusione dei conti trimestrali che, fra l’altro, hanno indicato una crescita dell’utile netto pari al 60%. I dati, infatti, hanno, almeno per ora, dissipato le preoccupazioni che erano emerse in occasione della divulgazione dei conti relativi al quarto trimestre dell’anno precedente, che a loro volta avevano comportato un tonfo in Borsa. Tra i motivi del buon andamento del titolo, sostengono gli analisti, l’ottimo andamento della pubblicità online, che negli Usa ha segnato una crescita, nel 2005, del 30%.

(21 aprile 2006)

Lascia un commento