Il caldo record della Terra: "Mai così da 1200 anni"


La straordinaria scoperta è stata pubblicata sulla rivista Science
I climatologi hanno analizzato la crescita degli alberi secolari

Temperature, il record della Terra
“Mai così caldo da 1200 anni”

di DANIELE SEMERARO

ROMA – Stiamo vivendo il periodo di caldo più intenso e prolungato degli ultimi 1200 anni. A rivelarlo è uno studio pubblicato sull’ultimo numero della rivista americana “Science”, secondo cui la Terra non conosce da diversi secoli un riscaldamento climatico così intenso e prolungato.

I climatologi Timothy Osborn e Keit Briffa, dell’Università inglese di East Anglia, hanno analizzato quattordici diversi siti nell’emisfero nord, misurando gli anelli di crescita annuale dei tronchi d’albero (la pratica si chiama, in gergo, “dendroclimatologia”), le carote di ghiaccio provenienti dai ghiacciai perenni ed altri campioni climatici significativi, come i sedimenti che inglobano fossili di conchiglie. Tali misurazioni, infatti, consentono di determinare con sufficiente precisione le temperature in diversi periodi.

Gli anelli di crescita annuale degli alberi secolari sono stati analizzati in Scandinavia, Siberia e nelle Montagne Rocciose. Uno spazio maggiore tra due anelli indica per quell’anno temperature più elevate, che hanno permesso al tronco una maggiore crescita.

E così, comparando tali dati con le temperature dal 1856 (anno in cui cominciarono ad essere misurate scientificamente) i climatologi hanno maturato la convinzione che l’attuale periodo di riscaldamento atmosferico è il più forte, ma anche il più lungo dal nono secolo a questa parte.

Nel cercare di capire se l’aumento delle temperature rifletta o meno una fluttuazione naturale del clima, gli scienziati hanno comparato l’ampiezza relativa del riscaldamento attuale nell’emisfero nord ad altri periodi di raffreddamento o di riscaldamento dall’anno 800. Per far questo, si sono basati su giornali, diari e altri documenti storici, dal Medioevo in poi, che testimoniano fenomeni climatici particolari, come la formazione di ghiaccio in alcuni canali dei Paesi Bassi.

Osborn e Briffa hanno potuto, così, accertare indizi che confermano per l’emisfero nord un importante periodo di riscaldamento nel Medioevo, tra l’890 e il 1170. Tra il 1580 e il 1850, invece, vi sarebbe stato un lungo periodo di raffreddamento del clima, noto comunemente come “mini-era glaciale”.

(10 febbraio 2006)

Lascia un commento