Insulti a un giornalista ebreo, sospeso il sindaco di Londra


Ken Livingstone dovrà stare lontano dai palazzi del Comune per quattro settimane
L’accusa: ha screditato la sua carica paragonando un reporter a un “kapò”

Sospeso Livingstone, sindaco di Londra
aveva insultato un giornalista ebreo

di DANIELE SEMERARO

LONDRA – Il sindaco di Londra, Ken Livingstone, è stato condannato oggi a quattro settimane di sospensione (la pena partirà dal primo marzo) per “aver screditato la sua carica” quando insultò un giornalista di religione ebraica paragonandolo alla guardia di un campo di concentramento nazista.

L’Adjudication Panel of England (la commissione disciplinare per i funzionari pubblici) ha infatti affermato che la frase rivolta a Oliver Finegold dell’Evening Standard fu “inutilmente insensibile e offensiva”, e il sindaco la ribadì, “anche se Finegold gli disse che era di religione ebraica, e che era stato offeso dalla sua domanda se fosse la guardia di un campo nazista”.

Livingston si difese dicendo che il giornale aveva condotto una “campagna di odio” contro di lui per anni, e che era pieno di “disgraziati e fanatici pieni di pregiudizi”. Il sindaco, uno dei più popolari politici inglesi, ha rischiato una condanna che può arrivare anche a cinque anni d’interdizione dalle cariche pubbliche.

Livingstone, inoltre, ha spiegato che da venticinque anni si comporta alla stessa maniera con i giornalisti, e che fino ad ora non aveva mai avuto problemi di questo tipo. Per di più, ha detto, non ha intenzione di cambiare il suo modo di comportarsi.

(24 febbraio 2006)

(Nella foto: Ken Livingstone)

Lascia un commento