Jfk rivivrà sul web con un maxi-archivio da un milione di dollari

Saranno necessari dieci anni di lavoro e 11 terabytes di spazio
Nel sito milioni di pagine di fotografie, documenti e appunti

John Kennedy rivivrà su internet
un archivio da un milione di dollari

di DANIELE SEMERARO

» GUARDA TUTTE LE FOTO

NEW YORK – Il progetto è ambizioso e allo stesso tempo futuristico: conservare in modo permanente tutto il materiale presente negli archivi di John Fitzgerald Kennedy. Grazie a internet. Lo ha annunciato il senatore Edward M. Kennedy, che in collaborazione con la Kennedy Presidential Library e il National Archives and Records Administration sovraintenderà alla costruzione di un’intera biblioteca digitale. Un contenitore che raccoglierà l’intera collezione di carte, documenti, fotografie e registrazioni audio del presidente Kennedy, rendendoli così accessibili a i navigatori internet di tutto il mondo.

“Così – spiegano gli organizzatori – provvederemo a preservare nel tempo un’enorme quantità di documenti che riguardano Kennedy e daremo la possibilità a tutto il mondo di accedervi, anche grazie a una potente tecnologia di ricerca, e proteggeremo i dati in server che si trovano in diverse località geografiche (in modo da non perdere i dati in caso di disastro)”.

Ad aiutare il senatore Kennedy nell’impresa – tutt’altro che semplice – l’archivista Allen Weinstein e Joe Tucci, presidente dell’Emc Corporation, un’azienda che si occupa di trovare soluzioni informatiche per archiviare grandi quantità di dati. La Emc ha calcolato che per l’intero progetto saranno necessari oltre un milione di dollari tra infrastrutture hardware, software e supporto tecnico. I server ospiteranno oltre 11 terabytes di materiale (pari a oltre 11mila gigabytes).

Il progetto prevede di digitalizzare, indicizzare e archiviare milioni di documenti presidenziali, fotografie, registrazioni audio e video in un’enorme biblioteca virtuale. I numeri parlano chiaro: più di 8,4 milioni di pagine tra documenti e appunti, oltre 40 milioni di pagine tra lettere e documenti redatti da addetti stampa e portavoce, 400mila fotografie, 9mila ore di registrazioni audio, 2,2 chilometri di pellicola cinematografica per un totale di 1.200 ore di registrazioni video. Si tratta della prima iniziativa del genere: per metter su l’intero archivio serviranno più di dieci anni di lavoro.

Tra i tanti documenti figurano moltissime carte che hanno fatto la storia degli Stati Uniti, dalla lotta per i diritti civili al conflitto con l’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda, dagli sforzi per portare l’uomo sulla Luna e per riportarlo sulla terra sano e salvo alla prevenzione dell’olocausto nucleare durante la crisi missilistica con Cuba e l’importante apporto che la first lady Jaqueline Kennedy ha dato all’arte e alla cultura americana.

(14 giugno 2006)

(Nella foto: John Fitzgerald Kennedy)

Lascia un commento