"La legge rispetta gli impegni Ue". Tremonti difende la finanziaria


Fassino: “Le priorità non hanno soldi con cui essere sostenute”
Bassolino: “Destinare al Mezzogiorno il 45% degli interventi pubblici”

“La legge rispetta gli impegni Ue”. Tremonti difende la Finanziaria

Per il ministro dell’Economia l’Italia non è “a crescita zero”.
Il segretario Ds: “Risanamento e crescita se andremo al governo”

CAPRI (NA) – Di nuovo scontro sulla legge Finanziaria. Teatro, questa volta, il convegno dei giovani imprenditori di Confindustria in corso a Capri. Occasione ghiotta che metteva insieme diversi protagonisti e su posizioni distanti: dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti, al segretario Ds Piero Fassino, a quello dellla Cisl Savino Pezzotta al governatore della Campania Antonio Bassolino.

Ottimista Tremonti, per il quale l’economia italiana “ha tenuto in modo straordinaria per merito degli industriali”, mentre Fassino ha criticato la legge di bilancio dicendo che è “piena di entrate aleatorie”, in un continuo ping-pong di cifre con il ministro.

Fassino. “Se vinceremo le elezioni non faremo una politica solo restrittiva, perché bisogna coniugare risanamento e crescita”. Per il segretario Ds, la priorità economica del Paese è la spesa per l’innovazione, le imprese e le infrastrutture: “come può – dice – essere sostenibile la parola d’ordine del taglio generalizzato delle tasse, come ha fatto questo governo senza riuscire a realizzarlo? Sono 4 anni – continua Fassino, molto applaudito dalla platea di Capri, rivolgendosi al ministro Tremonti – che ci vengono presentate manovre finanziarie sovrastimate nelle entrate e sottostimate nella spesa. Poi, alla prima trimestrale di cassa si scopre che non è così”. Il segretario Ds ha aggiunto che al 5% del rapporto deficit-pil si è arrivati così, e che “le priorità del paese non hanno una lira con cui essere sostenute, perché la manovra non intacca il livello del debito pubblico, non consentendo di rispettare gli impegni europei e non individua risorse per gli investimenti ed è discutibile per le previsioni di spesa perché le coperture sono aleatorie”.

Pezzotta. Per Pezzotta, la strada è “ritirare il secondo modulo della riforma fiscale e utilizzare quelle risorse, oltre 6 miliardi, per il Mezzogiorno”. Secondo il segretario della Cisl “la politica dei redditi è saltata, e si profila il rischio di una radicalizzazione delle relazioni industriali”, e la Confindustria ha dimostrato “scarso coraggio”. Pezzotta ha poi denunciato una scarsa attenzione ai problemi dell’impresa e, per quanto riguarda la finanziaria, ha accusato il governo di essere intervenuto sul taglio del costo del lavoro senza aver sentito le parti sociali.

Bassolino. Il governatore della Campania, Bassolino ha chiesto al ministro Tremonti di destinare al Mezzogiorno il 45% del totale degli interventi pubblici e fare modifiche importanti e significative alla Finanziaria, per affrontare oltre che il tema dei tagli agli enti locali anche quello degli investimenti. Bassolino ha anche evidenziato come “tutte le previsioni per i prossimi anni non sono positive, per l’Italia nel suo insieme e anche per il Mezzogiorno che, così stando le cose, dovrebbe crescere meno della media italiana per i prossimi anni e questo è un problema molto serio. Il rischio davanti a noi è quello di avere un Paese che cresca poco e poi male con troppe distorsioni e diseguaglianze”.

Tremonti. Il ministro dell’Economia auspica invece che alla fine “il Parlamento faccia una buona legge. Di riforma del risparmio – dice – quasi nessuno ha mai parlato molto fino ad agosto, io ne ho parlato da alcuni agosto fa e non è vero – ha aggiunto – che in Italia c’è crescita zero e non è vero è il solo paese in Europa a crescita zero”. Tremonti ha fatto anche un accenno alla tassa sul tubo: “Forse va modificata – ha detto – ma vi avverto: noi abbiamo tassato questo, gli altri tassano tutto il resto”. E sul rapporto deficit-Pil, criticando Fassino: “Abbiamo delle difficoltà, ma manterremo gli impegni europei: io li ho sempre mantenuti”.

(8 ottobre 2005)

(Nella foto: Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti)

0 pensieri su “"La legge rispetta gli impegni Ue". Tremonti difende la finanziaria

Lascia un commento