Licei e università, ancora proteste da Milano a Napoli contro la Moratti

Non si placano manifestazioni e occupazioni nel mondo dell’istruzione. A Milano occupata l’Università Statale, a Venezia ottocento studenti in corteo

Licei e università, ancora proteste
da Milano a Napoli contro la Moratti

A oltre una settimana di distanza dall’approvazione dei Ddl Moratti sullo stato giuridico della docenza universitaria e sul riordino della scuola superiore, non solo le proteste degli studenti non sono cessate, ma sembra invece che, in diverse città del Paese, stiano riprendendo vigore.

A Milano da venerdì scorso gli studenti dell’Università statale continuano ad occupare la sede dell’Ateneo per protestare contro il ministro Moratti. Il senato accademico, con in primis il rettore Decleva, ha chiesto di “porre fine a un’azione illegale” perché “la sede centrale non può diventare in alcun modo un porto franco per comportamenti impropri e avventuristici”, riferendosi soprattutto alle decine di “ragazzi esterni” che sono entrati in ateneo e avrebbero derubato diversa merce dai bar. La protesta degli studenti, però, continua: “Va bene non essere d’accordo con le nostre inizaitive, ma non accettiamo le falsità”, hanno detto, ricordando, a chi li accusava di essere poche decine, di essere oltre duecento. Questa mattina, insieme ai colleghi “più piccoli” delle scuole superiori hanno sfilato per le vie della città occupando per alcuni minuti l’anagrafe e interrompendo, sempre per breve tempo, la circolazione di alcune linee tramviarie. Gli studenti sono stati tenuti sotto controllo da un piccolo cordone di polizia e tutto si è svolto in modo tranquillo.

Una manifestazione anche a Venezia. Circa 800 studenti hanno partecipato al corteo che, attraversate le calli, ha sfilato fino al palazzo della Prefettura. Qui una delegazione è salita a parlare con il capo di gabinetto della Prefettura, illustrando le ragioni della protesta contro la riforma Moratti, ma anche contro l’intervento delle forze dell’ordine che, una decina di giorni fa, avevano sgomberato con la forza un istituto occupato. Anche qui, comunque, la manifestazione si è svolta senza incidenti.

A Pozzuoli, nel napoletano, continuano le proteste degli studenti delle scuole medie superiori. Mercoledì è stata attuata un’occupazione simbolica dell’Istituto professionale per il turismo e il commercio “Falcone” e dell’Istituto polispecialistico di Toiano. Gli studenti – circa mille – hanno bloccato con un sit in i cancelli di accesso all’istituto e bloccato l’adiacente strada con i cassonetti della spazzatura. Le proteste stanno andando avanti con assemblee d’istituto e riunioni tra i rappresentanti delle diverse scuole.

A Bari, invece, continua l’occupazione della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università. “Occuperemo a oltranza, fino ad arrivare alla completa autogestione della facoltà”, dicono i manifestanti. Le lezioni dunque sono sospese e i docenti hanno sostenuto, insieme agli studenti, la protesta contro il Ddl Moratti. D’accordo con la protesta anche il presidente Corrado Petrocelli.

Singolare occupazione, infine, al liceo Tasso di Roma, dove la protesta si è intrecciata anche con alcune vicende interne all’istituto.

(4 novembre 2005)

Un pensiero su “Licei e università, ancora proteste da Milano a Napoli contro la Moratti

Lascia un commento