Usa, Cina e Corea del Sud sul "podio" degli spammer


Da Sophos la classifica dei Paesi che esportano annualmente
più email indesiderate. L’Italia si piazza al quindicesimo posto

Stati Uniti, Cina e Corea del Sud
È loro il “podio” degli spammer

di DANIELE SEMERARO

ROMA – Stati Uniti, Cina e Corea del Sud sono sul podio mondiale delle nazioni che esportano più “spam”, la posta indesiderata che ogni giorno “invade” le nostre caselle e-mail. La ricerca, presentata annualmente da Sophos (azienda impegnata nello sviluppo di software antivirus e antispam) e intitolata “Quella sporca dozzina”, analizza tutte le e-mail di spam ricevute dalle proprie stazioni di monitoraggio.

Oltre dunque a Stati Uniti (24,5%), Cina (inclusa Hong Kong, 22,3%) e Corea del Sud (9,7%) compaiono anche Francia (5%), Canada (3%), Brasile (2,6%) e Spagna (2,5%). Buone notizie per l’Italia, che col suo “misero” 1,1% è ferma al quindicesimo posto.

“La Cina, con il 22,3%, sta divenendo uno dei Paesi in cui il tasso di spam cresce più rapidamente – si legge nella ricerca -. La nazione asiatica sta insediando da vicino il ‘primato’ degli Stati Uniti che, invece, appaiono in controtendenza con un decremento nella produzione di mail spam”.

(31 gennaio 2006)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.