E l'ultima pioggia d'agosto mette in ginocchio la Puglia

da REPUBBLICA BARI – pag. VI

Raffiche di vento hanno flagellato tutta la regione. Mobilitate le capitanerie

di DANIELE SEMERARO

Piogge e forte vento hanno caratterizzato la penultima giornata di agosto in Puglia, con problemi per la circolazione stradale e la navigazione. Le raffiche di vento, che nelle zone di Acquaviva delle Fonti, Putignano, Sammichele e Gioia del Colle hanno raggiunto velocità di 80 chilometri orari, sono state causate, spiegano gli esperti del servizio meteorologico, «da aria calda di libeccio che sollevandosi in maniera repentina a tratti ha causato vere e proprie trombe d´aria». A Bari i vigili urbani e i vigili del fuoco hanno ricevuto moltissime segnalazioni di pannelli pubblicitari caduti, tende da sole pericolanti e vasi di fiori in bilico sui balconi. In alcuni casi è stato necessario intervenire con le autoscale. All´aeroporto di Palese alcuni viaggiatori hanno segnalato atterraggi più bruschi del solito, ma tutto è avvenuto in sicurezza. Velivoli fermi, invece, all´Aeroclub.

Tanti i tamponamenti sulle strade dovuti al terreno bagnato, nessuno grave, mentre gli operai dell´Anas sono intervenuti per rimuovere numerosi alberi caduti e rami sporgenti in particolare sulla statale 90 nella zona di Foggia, sulla 100 a Sammichele e sulla 96 in località Mellitto. I problemi maggiori però sono stati causati dal mare molto mosso. A Bari due ragazzi, partiti con un gommone dalla spiaggia di Pane e pomodoro, allontanatisi dalla riva sono rimasti bloccati sulla barriera frangiflutti. Sono stati tratti in salvo dai militari della capitaneria di porto dopo un´operazione molto difficile a causa delle forti raffiche di vento. Nonostante la pioggia non è scattato il divieto di balneazione sulla spiaggia barese.

Problemi anche a Brindisi, dove due motovedette hanno riportato a riva le tre persone a bordo di una nave da diporto, la Barbarossa, incagliata sulla costa nella zona di Torre Cavallo. A Torre Suda, vicino a Gallipoli, soccorsi due ragazzi di 14 e 15 anni che a causa dello choc e delle abrasioni dovute agli sfregamenti contro gli scogli sono stati portati in ospedale.

A Monopoli due diciottenni sono stati portati in salvo dai militari della capitaneria; a bordo di due canoe non riuscivano a tornare a riva a causa del forte vento. Sempre a Monopoli sono state salvate altre quattro persone: la loro imbarcazione aveva una vela rotta e il motore in avaria. Bloccati i collegamenti fra Termoli e le isole Tremiti. Fermi anche molti pescherecci.

Lascia un commento