I nuovi poveri? Il vicino di casa

da REPUBBLICA BARI – pag. V

In aumento il numero di coloro che non riescono ad avere i soldi nemmeno per il pranzo: “Ma abbiamo un aiuto”
La struttura vive di tanti benefattori che fanno offerte anonime, di chi porta vestiti usati e di chi compra provviste di cibo

di DANIELE SEMERARO

A Bari vecchia nella piazza della Cattedrale e a fianco alla chiesa di San Giacomo c´è una piccola porta in legno. Lì, il giovedì, il venerdì e il sabato si raduna, intorno a mezzogiorno, una piccola folla. È il popolo silenzioso e invisibile dei “nuovi poveri”, in fila per un pasto alla mensa della Caritas. Ormai, ogni giorno, non arrivano meno di 60, 70, a volte anche 80 persone. Il servizio a Bari è ben organizzato: oltre alla mensa di San Giacomo sono attive anche quella di Pio X (il lunedì), di piazza Garibaldi (il martedì e il mercoledì), del Sacro Cuore a corso Cavour e di San Nicola a Carbonara (domenica). La sera, invece, si può mangiare dalle suore di Madre Teresa.

Mezz´ora prima dell´apertura c´è già il pienone. I primi che arrivano, a turno, iniziano a predisporre i tavoli e le sedie, altri apparecchiano, altri, ancora, aspettano in una sorta di sala d´attesa. La formula della mensa è che per avere un pasto tutti devono collaborare, in una sorta di «cammino di rieducazione». L´ambiente è spoglio; sui muri sono affisse le regole di igiene e di comportamento, tra cui si legge, a caratteri grandi, «rispettare il prossimo». C´è chi chiacchiera, chi dorme, chi, ancora, scrive un sms con il cellulare. Già, perché i “nuovi poveri”, così li chiamano i volontari, sono persone assolutamente normali: sono madri e padri di famiglia, ragazzi che sono andati via di casa, anziani abbandonati dai propri figli, ragazze sole in attesa di un bambino. Persone che s´incontrano tutti i giorni per strada. C´è anche qualche extracomunitario, ma ormai sono in minoranza. «Tra di loro – racconta F., il volontario-capo della struttura – c´è anche chi ha un lavoro ma, a fine mese, è costretto a dare tutto lo stipendio alle finanziarie con le quali si è indebitato. C´è chi invece il lavoro non ce l´ha e chi, ancora, è stato salvato dal barbonismo domestico. Ogni giorno c´è una storia nuova».

Ore 12.30. Gli uomini (che sono in maggioranza) vengono fatti sedere nella sala più grande; le donne, una decina, in una stanza più piccola. Hanno il sorriso sulle labbra, non vogliono essere riprese ma sembra abbiano tanta voglia di scambiare quattro chiacchiere con qualcuno. Ci sono una mamma e una figlia, alcune ragazze, tante signore anziane che prendono il cibo e lo conservano in un contenitore che poi porteranno a chissà chi. «Mi raccomando – scherza una ragazza – niente fotografie altrimenti mio marito viene a sapere che sono qui». Due signore, invece, ricordano con commozione il trigesimo di una loro «amica» che si è celebrato alcuni giorni fa: «La cerimonia si è tenuta nella cappella della stazione. C´era gente dappertutto, gente come noi, sembrava scoppiare». Piccoli gesti che dimostrano un grande senso di solidarietà e amicizia reciproca.

Dopo una semplice preghiera i volontari iniziano a servire il pranzo: per primo pasta e lenticchie, per secondo mozzarella e pomodoro. Le porzioni sono abbondanti, non ci si può lamentare. All´interno della cucina, sistemato in uno spazio a cui gli ospiti non possono accedere, sono in dieci tra cuoche e camerieri. Alcuni sono pensionati, altri donano il tempo della pausa pranzo del lavoro. Sono gli “angeli” della mensa. «Ho cominciato 17 anni fa – racconta il capo della struttura – e per me si tratta di un vero e proprio cammino di fede. Credo che tutti dovrebbero, almeno una volta, provare: non si può sbandierare la pace nel mondo senza aiutare le persone in difficoltà che si trovano vicino a noi. Questa avventura arricchisce giorno dopo giorno».

A Bari vecchia in molti conoscono la mensa Caritas. Una signora viene a portare alcune provviste di cibo, e racconta: «Siamo orgogliosi di questa struttura, siamo orgogliosi di poter aiutare gli altri», e spiega che ogni giorno in tanti fanno a gara per poter cucinare e dare una mano. La mensa vive soprattutto di benefattori che fanno offerte anonime, di chi porta i propri vestiti usati e di chi, invece, offre provviste di cibo. A dare una mano, poi, anche il Comune e i servizi sociali.
Alle fine del pranzo qualcuno spazza per terra, qualcun altro lava i piatti. «Il nostro – conclude F. – è soprattutto un lavoro educativo, cerchiamo di far percorrere ai nostri amici un cammino di rieducazione per farli uscire definitivamente da questa difficile situazione. Il nostro successo è non vederli più qua». Nel primo pomeriggio, alla spicciolata, gli ospiti della mensa s´incamminano, silenziosi e invisibili, da dove sono venuti. Torneranno domani. Stesso posto, stessa ora.

Lascia un commento