"Poteri speciali sul traffico"

da REPUBBLICA BARI – pag. VII

Il prezzo dei parcheggi aumenterà nelle zone più vicine alla Campionaria. Sconti per chi arriva in bicicletta
Appello del sindaco a Prodi. Fiera, ecco il piano di mobilità

di DANIELE SEMERARO

Poteri speciali sul traffico. È quanto chiederà il sindaco di Bari, Michele Emiliano, al presidente del consiglio Romano Prodi, che aprirà ufficialmente sabato mattina la settantesima Fiera del Levante. Emiliano, in particolare, auspica che al capoluogo pugliese possano essere conferiti i poteri straordinari per il traffico già concessi per Milano, Roma e Catania. In questo modo il sindaco potrà agire in deroga al Codice della strada nella realizzazione di parcheggi e delle infrastrutture viarie e di trasporto, nonché all´individuazione di soluzioni volte al controllo della sosta e al miglioramento della circolazione stradale. Così sarà più facile costruire parcheggi, aree pedonali e zone a traffico limitato. E risulteranno più semplici l´omologazione e l´uso di apparecchi tecnologici per controllare la sosta e la mobilità.

Poteri maggiori anche gli ausiliari del traffico, che potranno immediatamente contestare tutti i tipi di infrazioni. «Certo – spiega l´assessore comunale al Traffico, Antonio Decaro – noi non ci troviamo in situazioni di emergenza come altre città, ma per esempio abbiamo bisogno di spostare la centralina che misura le polveri sottili, collocata in un luogo assolutamente non idoneo, di istituire telecamere che registrino le soste in doppia fila e di accelerare le gare per la concessione di parcheggi e corsie preferenziali».

Da sabato mattina e fino a domenica 17 scatterà nella zona ovest della città il piano straordinario della viabilità in occasione della Fiera, che modificherà il modo di spostarsi dei baresi. Un piano caratterizzato dalla formula del «più ti avvicini con la macchina e più paghi», per far sì, spiega il sindaco, che «i cittadini facciano un passo in avanti per quel che riguarda l´uso di mezzi di trasporto non inquinanti, a partire dall´utilizzo dei parcheggi di scambio». Anche quest´anno è stata confermata la formula del biglietto gratuito per chi arriverà in bicicletta («vero status symbol della Campionaria», ha scherzato Emiliano). In particolare, sul marciapiede nord di corso Vittorio Veneto sarà istituita una pista ciclabile. Arrivati davanti alla Fiera potrà lasciare la bicicletta in un parcheggio gratuito e custodito di fronte al Cus.

Per raggiungere l´esposizione, l´altro metodo più pratico e veloce sarà quello di utilizzare i parcheggi di scambio istituiti in via Napoli (300 posti), a Pane e pomodoro (500 posti) e al Palaflorio di Japigia (150 posti). Da tutte e tre le aree sarà possibile salire gratuitamente a bordo di un bus navetta che porterà all´entrata della Fiera, risparmiando anche un euro e 50 sul biglietto d´ingresso. Nelle vicinanze dell´esposizione (ma a pagamento) saranno disponibili i parcheggi gestiti da Stm, Ferrotramviaria e Multiservizi ubicati in corso Vittorio Veneto e nell´ansa di Marisabella (oltre quattromila posti). Anche da qui si potrà arrivare in Fiera con un minibus gratuito.

La Campionaria sarà raggiunta da numerose linee d´autobus che saranno rafforzate per l´occasione (1, 2, 2/, 6, 21, 22, 27, 35 e la nuova 53) e da una serie di corse speciali che partiranno dalla stazione ferroviaria, dal quartiere San Paolo e da corso Cavour: il biglietto costerà un euro per l´intera giornata. Chi volesse raggiungere la Fiera con l´automobile (scelta che il Comune sta fortemente sconsigliando), invece, potrà usare i numerosi parcheggi a pagamento (oltre 14mila posti) ai lati delle strade. In particolare: Piscine comunali (150 posti), ex campi da tennis (900 posti), mercato (140 posti), viale Emanuele Orlando e complanare di corso Vittorio Veneto (600 posti), viale di Maratona e via Verdi (420 posti), via Bellini (130 posti), via Umberto Giordano, piazzale Traetta e via Mercadante (159 posti). Per avvicinarsi bisognerà prestare attenzione ai numerosi sensi unici di marcia e divieti di fermata su corso Vittorio Veneto, lungomare Starita e le strade limitrofe.

Ieri il presidente della Regione, Nichi Vendola, parlando della Campionaria 2007 ha auspicato che la nuova Fiera possa essere «di tipo internazionale ed europeo». «La sua riorganizzazione – ha detto Vendola – può essere l´unica possibilità per garantire non solo la sopravvivenza, ma anche il suo rilancio». Per raggiungere l´obiettivo e fare della Fiera «il luogo naturale del rapporto con l´altra sponda dall´Adriatico e del Mediterraneo – ha aggiunto il vicepresidente Sandro Frisullo – sarà necessaria una riorganizzazione anche societaria dell´ente».

Lascia un commento