Dyson presenta AirBlade 9kJ: arriva l’asciugamani elettrico che rispetta l’ambiente

Grazie alla sua particolare forma e al suo motore permette di asciugarsi le mani in soli 10 secondi sprecando meno energia; inoltre il filtro Hepa fornisce aria sempre pulita 

Più di tre anni di sviluppo e oltre 700 prototipi. Dyson presenta Airblade 9kJ, un asciugamani elettrico – di quelli che si trovano in hotel, uffici o ristoranti – efficiente dal punto di vista dei consumi, rispettoso dell’ambiente e con un filtro Hepa che fornisce aria sempre pulita.

Un asciugamani “green”

Grazie alla sua tecnologia all’avanguardia – ci spiega Davide Leoni, designer engineer advanced NPI di Dyson – Airblade 9kJ permette di asciugarsi le mani in modo rapido e igienico offrendo una valida alternativa alla carta monouso. Basti pensare che la modalità “Max”, pensata per luoghi con alta frequenza di passaggio, emette 3 grammi di CO2 per ogni asciugatura; la modalità “Eco”, preferibile per bagni con passaggio meno moderato, 2,5 grammi. Le modalità tradizionali di asciugatura emettono invece molto di più: 16,8 grammi circa di CO2 per i convenzionali asciugamani ad aria calda e 17,1 per le salviette di carta.

Le lame curve e il filtro Hepa

La particolare forma delle alette curve, da cui fuoriesce una lama d’aria a 624 km/h, permette di asciugare subito anche i bordi della mano: in questo modo si trascorre meno tempo sotto il getto dell’aria (esattamente tra i 10 e i 12 secondi). Il motore digitale Dyson V4 compie fino a 75.000 giri al minuto spostando 23 litri di aria al secondo. Inoltre grazie a un filtro Hepa in fibra di vetro con strato in tessuto viene utilizzata aria pulita per asciugare le mani.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.