Ray-Ban Stories, tutto quello che c’è da sapere sugli occhiali Facebook-Luxottica

Abbiamo messo alla prova i nuovi occhiali che permettono di scattare foto e video, ascoltare la musica e parlare al telefono. Si tratta di un prodotto interessante e innovativo che però, se non utilizzato in maniera responsabile, suscita alcune preoccupazioni dal punto di vista della privacy

È certamente uno dei lanci più interessanti, e di cui si è più parlato, di questo periodo. Dall’accordo tra Facebook ed EssilorLuxottica (capogruppo di Ray-Ban) sono nati i Ray-Ban Stories: occhiali smart in perfetto stile Ray-Ban che permettono di girare video, scattare foto, ascoltare la musica o parlare al telefono. Si tratta di un prodotto che abbiamo messo alla prova durante le vacanze certamente molto bello da vedere e utile in numerose situazioni se utilizzato responsabilmente: sì, perché porta con sé diverse questioni relative alla privacy. 

Come si presentano

A prima vista i Ray-Ban Stories sono dei normalissimi occhiali Ray-Ban, se non fosse per un piccolo pulsante posto sull’asta destra e due, altrettanto piccoli, fori per la doppia fotocamera da 5 megapixel posizionati sulla montatura, a sinistra e a destra rispetto alla lente. Si tratta di fori che non rendono gli occhiali “strani o eccentrici” ma anzi possono essere tranquillamente scambiati per l’alloggiamento delle viti. Infine, per segnalare che stiamo scattando una foto o registrando un video, è presente un piccolo led accanto alla fotocamera di sinistra. Dobbiamo subito puntualizzare che anche le lenti sono delle normalissime lenti, e che non si tratta di occhiali che permettono di visualizzare informazioni in stile realtà aumentata. Insieme agli occhiali c’è una custodia (un po’ più grande e pesante rispetto alle custodie tradizionali) che permette di conservare e ricaricare gli occhiali.

Le foto e i video

I Ray-Ban Stories hanno tre funzionalità principali: scattare foto e video di quello che stiamo guardando, ascoltare la musica, fare telefonate. Partiamo dalla funzionalità certamente più interessante, che è quella delle foto e dei video. I Ray-Ban Stories sono in grado di riprendere grazie alle due fotocamere fotografie e video (questi ultimi solo quadrati, in stile Instagram) della durata massima di 30 secondi. Abbiamo fatto numerose prove in vacanza e, pur non trattandosi di foto e video della stessa qualità a cui siamo abituati quando scattiamo con una macchina fotografica o un buon cellulare, sono comunque soddisfacenti. Ci ha colpito molto anche la stabilizzazione video: i filmati rimangono stabili anche quando stiamo camminando a passo svelto. Per registrare un video basta fare un click sul pulsante posto sull’asta destra degli occhiali; per scattare una foto bisogna, invece, fare un click lungo. Oggi, spiegano da Facebook e Ray-Ban, per fare una foto bisogna disconnettersi dalla realtà, prendere il cellulare e “perdere l’attimo”: con questi occhiali invece è possibile immortalare il momento nel momento stesso in cui sta accadendo, e precisamente dal nostro punto di vista. Gli occhiali sono in grado di registrare fino a 30 video o 500 foto.

L’assistente vocale

Per scattare foto e registrare video è possibile interagire anche con il nuovo assistente vocale Facebook Assistant: non si tratta di un assistente come Google Assistant, Alexa o Siri perché per il momento recepisce solo (e per ora solo in inglese) “Hey Facebook, take a picture” (“scatta una foto”) o “Hey Facebook, take a video” (“registra un filmato”). La filosofia degli occhiali è “capture-listen-share” (cattura-ascolta-condividi) e così per scaricare foto e gestire gli occhiali è necessario scaricare l’app per smartphone Facebook View: quest’app – gratuita – permette (a patto di avere un account Facebook) di associare gli occhiali allo smartphone, controllare la carica della batteria e, soprattutto, scaricare le foto dagli occhiali all’app e poi, eventualmente, dall’app al rullino fotografico dello smartphone. Tramite Facebook View è anche possibile creare dei piccoli montaggi foto o video dei nostri scatti. Dobbiamo puntualizzare che gli occhiali non permettono il live streaming e non inviano le nostre foto in automatico sui server di Facebook. 

L’ascolto della musica e le telefonate

Attraverso i Ray-Ban Stories è possibile ascoltare anche la musica e tutto l’audio riprodotto dal nostro smartphone, esattamente come se ci trovassimo ad usare delle cuffie Bluetooth. L’audio viene diffuso attraverso le due aste e l’abbiamo trovato di buon livello (anche se ovviamente non paragonabile a quello delle cuffie in-ear con cancellazione del rumore); in ambienti silenziosi, mettendo il volume al massimo, è anche possibile togliendosi gli occhiali far ascoltare l’audio alle persone che ci circondano. Il volume e le funzionalità di play e stop si regolano premendo o sfiorando l’asta destra degli occhiali (funzione utile e intuitiva). Grazie a tre microfoni direzionali è anche possibile parlare al telefono. Abbiamo fatto diverse chiamate e ci siamo trovati molto bene; qualche difficoltà in più nei luoghi molto affollati: il nostro ascolto era comunque perfetto ma dall’altra parte della linea si sentivano un po’ troppo i rumori di fondo.

La privacy

E ora passiamo a quello che è il tema certamente più spinoso che riguarda i Ray-Ban Stories: il rispetto della privacy. Questi occhiali sono ottimi per scattare foto e video “al volo” di quello che guardiamo e di quello che ci circonda a patto che vengano usati in maniera corretta e responsabile. Sugli occhiali accanto alla fotocamera sinistra è presente un led a luce bianca che si accende per informare chi è davanti a noi che stiamo registrando video o scattando foto. Ma se è vero che il led è abbastanza visibile di sera (e quindi chi si trova davanti a noi effettivamente vedrà una persona con una lucina accesa sugli occhiali) è altrettanto vero che – nonostante Facebook spieghi che il led è visibile fino a una distanza di circa 6 metri – di giorno con il sole forte questa luce è a malapena visibile. E così (l’abbiamo provato noi stessi su una spiaggia) è possibile girare video e scattare foto senza che gli altri se ne accorgano, come se avessimo una telecamera nascosta. Nelle indicazioni di utilizzo è scritto molto chiaramente che bisogna rispettare la privacy delle altre persone avvertendole se stiamo per registrare e evitando assolutamente di registrare in luoghi sensibili come bagni, spogliatoi, studi medici, centri estetici o terme, ospedali, luoghi di culto. E ancora: bisogna evitare di registrare, e quindi distrarsi, quando si è alla guida di auto, moto e bici. Ma pensiamo anche ai musei dove è vietato fotografare alcune opere d’arte. O, ancora peggio, quando si fa la fila al bancomat. Tutto, dunque, è affidato molto al buon senso di chi li indossa: ecco perché un utilizzo non responsabile suscita delle preoccupazioni.

Verdetto, disponibilità e prezzi

Abbiamo trovato i Ray-Ban Stories un prodotto molto interessante, utile per scattare foto e video “al volo” di quello che stiamo guardando, molto utili anche per ascoltare la musica o parlare al telefono. La durata della batteria è buona (circa 5 ore nella nostra prova – la custodia poi è in grado di ricaricare gli occhiali fino a tre volte). Tra i lati negativi che segnaliamo la possibilità di girare video solo in formato quadrato e in generale le preoccupazioni che potrebbero derivare, dal punto di vista della privacy, a causa di un uso non corretto. I Ray-Ban Stories sono venduti in tre stili (Wayfarer, Round e Meteor) e cinque colori (Shiny Black, Black Matte, Shiny Blue, Shiny Olive, Shiny Brown) e possono essere utilizzati con lenti da sole, da vista, polarizzate, sfumate, Transitions e neutre. Il prezzo in Italia parte da 320 euro.

Pro e Contro

PRO
Funzionalità
Stile

CONTRO
Video solo quadrati
L’utilizzo in maniera “non responsabile” suscita preoccupazioni per la privacy

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.