In vendita su eBay due pezzi del tempio di Ercole di Agrigento

→ D@di per Downloadblog.it

Sindaci e amministratori del Parco Valle dei Templi di Agrigento sono in subbuglio per la notizia che su ieri su eBay sono apparsi, per la vendita all’asta, due pezzi del tempio di Ercole.

Inseriti da un utente registrato in California, i due pezzi (rispettivamente della grandezza di 9,3 x 6,4 cm e 6,4 x 6,3 cm) partivano da una base d’asta di 99 centesimi, più sette euro di spese di spedizione. I pezzi sarebbero stati trafugati dal sito archeologico nel 2000.

“Non credo si tratti di pezzi autentici staccati dal tempio di Ercole, penso piuttosto a una bufala”, ha spiegato, minimizzando, il direttore dell’ente Parco Valle dei Templi, Pietro Meli. “Abbiamo avviato una serie di accertamenti – ha aggiunto – per capire se possa esserci stato un atto di vandalismo, o se si tratta di sottrazione di beni archeologici. Controllare un’area vastissima come quella della Valle dei Templi è praticamente impossibile”.

In attesa che si risolva la questione, considerando le dimensioni dei pezzi in vendita mi viene un atroce dubbio: ma non è che si tratta solo di piccole pietre senza ormai alcun valore, prese nell’area del tempio e spacciate come originali?

Fare l'archeologo con Google Earth

Oggi ho letto una notizia molto carina: sembra che un giovane archeologo, utilizzando Google Earth, sia riuscito a ritrovare un sito archeologico che suoi colleghi più esperti e anziani cercavano da anni.

In particolare, Cor Shipper (questo il nome del cyber-archeologo) utilizzando il software di mappe di Google ha scoperto che i suoi colleghi sbagliavano a cercare il sito archeologico nel mare: il castello scomparso di Hulckesteijn, in Olanda, era infatti a pochi chilometri dalla costa, e aveva la forma di una ‘L’ rovesciata.