Snackr, il newsreader che “scrolla”

→ D@di per Downloadblog.it

Se siete “patiti” di news, Feed RSS e newsreader, allora questo piccolo interessante progetto fa per voi. Si chiama Snackr RSS Ticker e permette di avere sempre sotto controllo i Feed di cui abbiamo bisogno.

In pratica, l’applicazione permette di far “scrollare” in uno qualsiasi dei quattro bordi dello schermo i titoli dei post che appaiono nei Feed che abbiamo specificato. È possibile importare i Feed dal nostro newsreader di fiducia (Opml) oppure è possibile inserirli manualmente. Tra le altre possibilità, anche quella di lasciare sempre in primo piano l’applicazione e di deciderne la velocità.

Tra l’altro, facendo click su una notizia è possibile aprirne l’anteprima in una comoda finestra interna al programma. L’applicazione, gratuita, gira su Adobe Air ed è disponibile per Mac, Windows e Linux.

Feedjournal, il giornale fatto di feed

→ D@di per Downloadblog.it

Creare un giornale in Pdf con le notizie prese da un feed Rss proveniente dal nostro sito preferito? Niente di più facile, utilizzando Feedjournal.com. Il servizio non fa altro che scaricare il testo di un feed da noi specificato e costruirvi intorno (a seconda della lunghezza dei singoli feed) una pagina impaginata proprio come un normale giornale.

Le funzionalità base sono gratuite, ma è possibile (pagando da 19 a 59 dollari) personalizzare il proprio giornale modificando anche i titoli, il layout, i caratteri, le colonne e così via.

Molto utile, ad esempio, per coloro che vogliono tenere una versione cartacea giornaliera del proprio blog. Unico problema (per il momento) il fatto che supporti un solo feed alla volta.

Chirpscreen e gli screen-saver sociali

→ D@di per Downloadblog.it

Chirpscreen è uno screen-saver per Windows che, incorporando feed (provenienti anche da siti come Facebook o Flickr), una volta attivato mostra con una grafica molto accattivante tutti gli aggiornamenti dei propri amici a portata di desktop.

Tra questi, ad esempio, le nuove foto inserite in Flickr o nel proprio profilo, gli aggiornamenti dei propri messaggi di stato, e così via.

Un modo, dunque, di utilizzare lo screen saver in maniera utile e risparmiare tempo aggiornandosi in tempo reale con tutte le novità dei propri amici. Chirpscreen si può scaricare grauitamente; entro breve dovrebbe arrivare anche una versione per Mac.

ReadBurner, e vedi gli argomenti più condivisi su Google Reader

→ D@di per Downloadblog.it

Quali sono gli argomenti più condivisi dagli utenti di Google Reader? Facile a sapersi: basta andare su Readburner.com. Readburner, infatti, aggrega i post condivisi dagli utenti Google Reader presentandoli poi in una classifica simile a quella di Digg, per capirci.

Il sito permette di filtrare i contenuti per lingua (inglese, persiano, lingue asiatiche, spagnolo e francese) e dà la possibilità di ottenere una preview sotto forma di post o di immagine. Interessante, tra l’altro, una classifica degli autori e dei siti/blog più citati.

Mi sembra un ottimo tool da tenere presente, perché è in grado – spesso – un po’ come gli altri aggregatori di darci la possibilità di scoprire di cosa discute la blogosfera.

E la Cina ora blocca anche i Feed Rss

Sappiamo tutti benissimo che la libertà di espressione e di informazione in terra cinese è spesso un miraggio, così come sono note a tutti le vicende di bloggers arrestati e di siti Web occidentali oscurati. Adesso arriva la notizia che, oltre a numerosi siti, sono stati bloccati anche i Feed Rss.

Generalmente, fino a qualche tempo fa i feed potevano essere scaricati liberamente da ogni cittadino (il che dava a tutti la possibilità di informarsi anche senza visitare direttamente un sito “vietato”). Qualche giorno fa è stato bloccato Feedburner, poi via via moltissimi altri feed.

Non è bloccato per il momento il Feed di Geekissimo, ma sono invece bloccati moltissimi Feed di siti occidentali, soprattutto statunitensi. E si tratta di siti che nemmeno trattano argomenti di politica e religione. Incredibile che ancora avvengano cose del genere in un Paese, la Cina, in cui il numero di abbonati a internet si appresta a sorpassare, entro 18 mesi, quello degli statunitensi.

La Cina, come tutti sappiamo, sta diventando una delle principali potenze economiche, con una crescita inarrestabile dell’industria e del commercio. Davvero in controtendenza, dunque, la scelta di continuare a bloccare molti siti internet, che in questo modo creano potenzialmente anche gli affari di tanti commercianti.