Microsoft lancia il pc "ricaricabile" per i paesi poveri: "Come un cellulare"

Il sistema verrà commercializzato a breve nei paesi più poveri
In Brasile, dove è stato sperimentato, le vendite sono raddoppiate

Microsoft lancia il pc “ricaricabile”
“Si usa come un telefono cellulare”

di DANIELE SEMERARO

ROMA – Affrontare il costo di un nuovo pc, specialmente nelle nazioni più povere e nelle economie emergenti, è nella maggior parte dei casi proibitivo. Al costo dell’hardware, poi, bisogna aggiungere anche quello del sistema operativo (Windows è il più diffuso) e del software che lo accompagna, come il pacchetto Office. Il risultato è che continuano a moltiplicarsi le copie pirata, che in alcuni Paesi del mondo raggiungono anche quota 90% di tutte quelle in circolazione. Per questi due motivi la Microsoft, una delle aziende leader nel campo dell’informatica, ha pensato a un nuovo approccio al problema economico presentando il “pc-as-you-go”, cioè il computer “a consumo”.

L’annuncio è arrivato dall’annuale Windows Hardware Engineering Conference di Seattle, dove l’azienda di Bill Gates ha presentato la tecnologia “FlexGo” in collaborazione con numerosi rivenditori e partner finanziari. L’iniziativa, avviata sperimentalmente in Brasile, dove ha riscosso molto successo, verrà introdotta entro un mese anche in India, Cina, Russia e Messico. Prima della fine dell’anno, inoltre, potrebbe approdare anche in Vietnam e Slovenia.

Il funzionamento del pc a consumo, presentato in due versioni, è molto semplice ed è paragonabile a quello di un cellulare con carta ricaricabile. La prima modalità consiste in una carta prepagata acquistabile in rete o nei negozi: man mano che il pc viene utilizzato, la carta si “scarica”. I prezzi praticati sono del tutto simili a quelli degli internet cafe. La seconda modalità, invece, è un abbonamento mensile che permette di utilizzare il computer in maniera illimitata per trenta giorni, al termine dei quali si dovrà effettuare un nuovo pagamento. Con un apposito software l’utente in ogni momento può controllare minuti e credito residuo. Una volta terminato il credito, il computer entrerà in una modalità di accesso limitato. Per entrambe le versioni, inoltre, l’utente dovrà munirsi di pc adeguato, che però pagherà a un prezzo molto basso.

FlexGo fa parte dell’iniziativa denominata “Starter Edition”, spiega Mike Wickstrand, direttore dell’iniziativa, che è parte integrante del programma di espansione della Microsoft nei mercati emergenti. “Il programma non è destinato a coloro che non hanno danaro – spiega ancora Wickstrand – bensì a coloro che non hanno un reddito fisso, ma che varia di mese in mese”. Per adesso in Brasile, fanno sapere dalla catena di negozi Magazine Luisa, che hanno commercializzato il “pc-as-you-go” in anteprima, le vendite sono raddoppiate rispetto agli anni passati; inoltre, il 31% di coloro che sono stati intervistati dopo aver acquistato un sistema FlexGo hanno ammesso che senza questa iniziativa non avrebbero mai potuto permettersi un computer.

Il progetto di Bill Gates è in opposizione a quello Olpc (One laptop per child) di Negroponte, che promuove un pc che si carica a manovella, destinato ai paesi più poveri, al prezzo di 100$ (e che dalla Microsoft era stato definito “un’idea sgangherata”). Negroponte, appoggiato da Google e dai sistemi Linux, punta su prezzi molto bassi; adesso Microsoft, con partner di primo livello (tra cui Intel e Amd) e un’idea originale introduce la flessibilità di pagamento.

(23 maggio 2006)

(Nella foto: La carta per “ricaricare” il pc)

È nato "Macbook 13 pollici", il laptop per giovani

L’INTERVISTA A TODD BENJAMIN MI È STATA RILASCIATA IN ESCLUSIVA PER L’ITALIA

Il computer è stato prodotto in due colori, bianco classico e nero
“È uno dei nostri Mac migliori, pensato per un cliente dinamico”

Apple, ecco il MacBook 13″
il nuovo laptop “per giovani”

Equipaggiato con i nuovi Intel core duo. Prezzo contenuto

di DANIELE SEMERARO

GUARDA TUTTE LE FOTO

ROMA – La notizia è di quelle che si attendevano da tempo. Dopo l’arrivo sul mercato del MacBook Pro, il computer portatile di fascia alta destinato a un pubblico professionale, a 90 giorni di distanza Apple (di martedì, come accade sempre per i grandi annunci) lancia un nuovo prodotto destinato a scalare le classifiche di vendita: si tratta del MacBook 13″. Che integra, come il fratello maggiore MacBook Pro, il nuovo processore Core Duo della Intel.

“Il nuovo portatile che abbiamo lanciato oggi – ha spiegato a Repubblica.it Todd Benjamin, direttore della divisione portatili della Apple – è uno dei nostri prodotti migliori, appositamente studiato per un pubblico dinamico. Con il MacBook 13″, che oltre ad essere potente è anche molto bello da vedere – continua – ci rivolgiamo infatti a un pubblico domestico: giovani, studenti, universitari, gente che vuole andare al passo coi tempi e stare alla moda ma anche a un pubblico di professionisti in movimento. Per questo abbiamo pensato a un computer con un nuovo design molto compatto ma anche molto veloce”.

Il MacBook, pensato per sostituire gli iBook (ma anche i PowerBook da 12 pollici), esce in tre versioni, tutte e tre con “schermi brillanti” da 13 pollici, destinate al mercato “consumer”, cioè non professionale. Come tutti i computer Mac usciti da febbraio a questa parte, lo dicevamo, è dotato di processore Intel Core Duo e, secondo quanto afferma la casa di Cupertino, potrebbe arrivare a una velocità cinque volte più veloce del predecessore iBook e quattro volte più veloce rispetto al PowerBook 12″.

“Abbiamo fatto numerosi test – racconta Benjamin – attraverso i quali abbiamo confrontato il MacBook con i suoi predecessori facendogli compiere nello stesso tempo difficili operazioni con i nostri applicativi iLife. Ad esempio abbiamo montato un brano in Garageband (il software di Apple per la creazione di musica, ndr), abbiamo applicato dei plugin e dei filtri e ci siamo stupiti nel vedere che MacBook era 3,9 volte più veloce di iBook. Stessa cosa per la navigazione su internet con Safari, dove siamo arrivati a una velocità 2,7 volte maggiore”.

Il nuovo gioiellino (“il portatile consumer più avanzato al mondo”, sostiene Benjamin) ha un design innovativo e molto elegante, ed è sottile appena 2,75 centimetri e “pesante” 2 chili e 360 grammi; è dotato di scheda grafica Intel Gma 950 con 64Mb di Ram, videocamera integrata iSight (per videoconferenze e foto) e interfaccia FrontRow con il telecomando per la gestione dei contenuti multimediali.

La casa di Steve Jobs come sempre ha pensato a diverse versioni per commercializzare il prodotto. Per il MacBook ne sono previste tre: due di colore bianco e una di colore nero. Per quanto riguarda i MacBook 13″ bianchi, questi sono equipaggiati con processore da 1,83 Ghz (prezzi a partire da 1.119 euro) o da 2 Ghz (1.319 euro). La vera novità della gamma è proprio il MacBook di colore nero lucido. Il suo prezzo, per la versione a 2 Ghz (la configurazione è identica a quella del modello bianco, tranne che per l’hard-disk da 80 Gb), è di 1.519 euro.

Essendo il portatile studiato soprattutto per l’uso in movimento, è stato installato anche un connettore di alimentazione magnetico (il MagSafe) che si stacca immediatamente dal computer se, ad esempio, il cavo viene strattonato. Per quanto riguarda la connettività, poi, il nuovo mini-portatile è dotato di scheda AirPort per i collegamenti a internet veloce senza fili (Wi-fi), Bluetooth e porta Ethernet. Sul lato destro, inoltre, sono presenti due porte Usb 2.0, le porte per l’audio digitale analogiche e ottiche e un’uscita mini-DVI video per connettere al portatile schermi esterni e proiettori.

Vediamo da vicino l’equipaggiamento delle varie versioni. Il MacBook bianco da 13″ a 1,83Ghz monta di serie una memoria ram da 512Mb, un disco rigido da 60Gb a 5400 rpm e un “combo drive”, in grado di leggere i Dvd e masterizzare cd normali e riscrivibili. Stessa configurazione per il modello superiore, quello da 2 Ghz, che però monta un’unità ottica SuperDrive (in grado, cioè, di masterizzare, oltre che ai cd, anche i Dvd). In quest’ultima versione è presente anche una porta FireWire 400.

“Lo schermo da 13,3″ – spiega Todd Benjamin – può arrivare a una risoluzione di 1280×800 e dà la possibilità di ottenere immagini nitide, colori più ricchi, neri intensi e profondi e un forte contrasto; fornisce, inoltre, un’area di visualizzazione più grande in termini di pixel del 30% rispetto a iBook e PowerBook 12 pollici. In questo modo guardare ad esempio un film su Dvd sarà un’sperienza ancora più coinvolgente”.

Per quanto riguarda il software, il computer è dotato di serie degli stessi installati sul fratello maggiore MacBook Pro. È presente, quindi, il sistema operativo Mac Os Tiger (“il sistema più avanzato del mondo”, come ripetono da Cupertino), e iLife ’06, il pacchetto Apple che comprende programmi per creare facilmente musica, gallerie fotografiche, blog, podcast, dvd, siti web. I MacBook, inoltre, includono anche Photo Booth, un applicativo che permette agli utenti di scattare istantanee con la videocamera iSight integrata.

(16 maggio 2006)

(Nella foto: Le versioni bianca e nera del MacBook 13″)