Santoro via dalla Rai: un danno per tutti, in primis per l’azienda

Santoro potrà piacere o non piacere, potrà essere considerato un cialtrone o un professionista, può essere simpatico o antipatico. Ma la sua “cacciata” dalla Rai è soprattutto un autogol per l’azienda, in termini di qualità, di ascolti e quindi di raccolta pubblicitaria.

Il grande Elio al Dopofestival

Sicuramente la novità più bella di questo Festival di Sanremo che ci siamo lasciati alle spalle è il Dopofestival con Elio e le Storie Tese, che hanno riscritto e ricantato, con la loro simpatica verve, alcuni dei brani presentati dagli artisti al Festival, inserendo contaminazioni da altre canzoni, cambiando le parole e rendendo i brani[…]

Rai: “Paghi il canone della Tv anche chi ha solo il computer”. Ed è polemica

Quando si tratta di pagare l’abbonamento alla televisione – siamo onesti – non bastano le pubblicità della “Rai, di tutto di più” per convincerci. In molti vedono nell’abbonamento alla Rai un inganno, per programmi sempre meno di qualità (rispetto ad alcune private o alle satellitari) e pubblicità sempre più padrone dei palinsesti. Ma ovviamente si[…]

Mattioli, un’informazione severa e mai banale

Questa mattina ho partecipato ai funerali del prof. Mattioli, scomparso due giorni fa. Un docente che insieme ad alcuni colleghi abbiamo apprezzato molto perché ci ha fornito le prime basi del giornalismo radiofonico. Nozioni che poi mi sono state molto utili agli inizi inizi del mio lavoro giornalistico, prima alla Radio Vaticana e poi a[…]