Utilizza meglio le Google Apps

Il canale ufficiale di Google su YouTube ha messo online un (lungo) tutorial di 17 minuti, condotto da Rajen Sheth, manager Google dei prodotti per le aziende, per insegnare alle imprese a utilizzare al meglio le Google Apps. Il video, che potete trovare qui, copre numerosi argomenti, dalla pagina iniziale personalizzata alle possibilità di collaborare e condividere i documenti con Google Docs and Spreadsheets.

Il video si sofferma molto anche sull’utilizzo “non convenzionale” di Gmail (analizzando, quindi, non solo le potenzialità base del sistema di posta elettronica) e Google Calendar. Sicuramente per gli appassionati (come i lettori di Downloadblog.it) le novità non saranno moltissime: è bello, però, come sottolinea anche Rick Broida di Lifehacker.com, vedere come il tutto sia presentato da una prospettiva aziendale. E magari s’imparano due o tre trucchetti niente male…

Microsoft Word? Facciamocelo piacere

Rick Broida, collaboratore di Lifehacker, ha scritto oggi un’interessante tutorial che dà delle dritte assolutamente indispensabili a chi è “costretto” a lavorare ore e ore con Microsoft Word e vuole migliorarne l’usabilità, la velocità e le prestazioni. Un tutorial molto lungo che vi invito a leggere per intero. Possiamo certamente, però, elencare in questo post gli accorgimenti principali da lui consigliati.

Primo consiglio: chiudere tutte le toolbar inutili. In questo modo avremo la possibilità di visualizzare un’ampia porzione di testo senza essere costretti a un noioso lavoro di scrolling. Sempre a proposito di toolbar, Broida consiglia di “giocare” un po’ con le freccine che puntano in basso all’estrema destra di ogni barra: queste permettono di aggiungere o rimuovere le funzioni che usiamo di più o di meno. Così potremo snellire le toolbar e avremo modo di affiancarle: avremo una pagina più libera e più pulita.

Un tip estremamente utile (soprattutto per scrittori e giornalisti) è quello che ci dà la possibilità di avere sempre sotto mano il bottone del conteggio parole. Purtroppo Word non ha questa funzione di base, e dovremo arrangiarci “a mano”. Andiamo in Strumenti > Personalizzazione > Personalizzazione barre degli strumenti/menu, poi andiamo nel tab “Comandi”, poi sulla sinistra scegliamo la categoria “Strumenti”, troviamo a destra “Conteggio parole” e trasciniamolo su una toolbar a piacimento. L’unico problema è che non apparirà un’iconcina ma un bottone piuttosto “pesante” da guardare con la scritta “Conteggio parole…”. Meglio di niente, però… no?

Ci sono moltissimi altri trucchi interessanti che vi invito a leggere, come il disattivare tutti i link che vengono creati in automatico (a cosa servono?) o alcune inutili funzioni di autocorrezione. Per la serie: se Word è attualmente il programma più usato in assoluto nelle scuole, all’università, negli uffici, nella pubblica amministrazione… beh, almeno facciamocelo piacere un po’ di più.

Bisogno di una lavagna?

Ammetto che c’ho “giocato” per un’ora intera, facendo prove con un collega che abita dall’altra parte del mondo, e ci siamo divertiti come matti. Skrbl non è altro che una lavagna bianca virtuale da condividere con amici o colleghi di lavoro. Per utilizzarla non c’è nemmeno bisogno di registrazione: basta semplicemente cliccare su “start skrbl now” e, dopo pochi istanti, si apre un foglio bianco su cui scrivere o scarabocchiare.

Per condividere lo spazio di lavoro basterà poi semplicemente copiare l’url e inviarla ad amici e colleghi (oppure utilizzare la comoda funzione di “invita”), il gioco è fatto. Il servizio permette di creare, oltre che scarabocchi con la penna, testi anche lunghi (supporta diversi tipi di carattere tra cui anche le lingue orientali, il greco e l’arabo), condividere file, inserire immagini. Finito il lavoro, è possibile salvare in html o stampare.

Unica nota negativa: attualmente sono supportati solo IE 6 e 7 e Firefox. In effetti, problema con cui mi sono imbattuto, Skrbl non funziona su Safari.

Google documenti e fogli di lavoro in italiano

Arriva finalmente la versione italiana di “Google Docs&Spreadsheets”: adesso si chiama “Google Documenti e Fogli di lavoro”.

“Il nostro editor di testi e di fogli di lavoro – si legge nel blog di Google – è stato tradotto in altre 12 lingue: francese, italiano, tedesco, spagnolo, cinese tradizionale, cinese semplificato, coreano, turco, polacco, olandese, portoghese/brasiliano e russo”.

Tra l’altro, Google ha anche annunciato di aver anche rilasciato la versione definitiva della Toolbar 3 per Firefox (fino ad ora in beta): installandola, oltre che le funzioni a cui eravamo già abituati, avremo anche la possibilità di aprire i nostri files salvati in locale direttamente nel nuovo servizio “Documenti e Fogli di lavoro”.