Bimbo sbranato dai cani a Zurigo. Omicidio colposo per il proprietario


Il padrone, un quarantunenne italiano, era proprietario di sei pitbull; tre di essi ieri mattina, vicino a un asilo, hanno sbranato un bambino

Bimbo sbranato dai cani a Zurigo
omicidio colposo per il proprietario

di DANIELE SEMERARO

ZURIGO (Svizzera) – Il proprietario italiano dei tre pitbull che ieri hanno attaccato e ucciso un bambino di sei anni a Oberglatt, in Svizzera, è indagato per omicidio colposo. Il procedimento è stato avviato anche contro un conoscente e la compagna dell’uomo. Attualmente i due, proprietario e conoscente, si trovano in detenzione preventiva.

Secondo la ricostruzione del giudice istruttore Susanne Steinhauser, l’italiano di 41 anni proprietario dei cani aveva lasciato i suoi sei pitbull in uno sgabuzzino provvisorio sul terrazzo di un conoscente nella cittadina di Oberglatt, cinquemila abitanti, nei pressi di Zurigo, mentre assieme alla compagna puliva il locale in cui allevava gli animali.
Ma tre dei cani sono riusciti a scappare e hanno poi attaccato il bambino, sei anni, di origine turca. Subito dopo l’attacco mortale i tre cani sono stati soppressi.

Questa mattina il ministro dell’Economia Joseph Deiss ha annunciato un inasprimento dei requisiti per possedere cani pericolosi.

(2 dicembre 2005)

Lascia un commento