Smart tv “spione”? Secondo una ricerca alcuni nostri dati sarebbero a rischio

E se le televisioni “intelligenti” presenti nelle nostre case inviassero informazioni sensibili – senza la nostra autorizzazione – ai giganti del web? Una ricerca inglese e americana mette in luce come effettivamente alcuni dati escano dalle nostre case

Continua a leggere Smart tv “spione”? Secondo una ricerca alcuni nostri dati sarebbero a rischio

“Come mai i fatti accadono sempre dove noi non siamo?”

Ieri alla Festa della Fiom a Bologna “Tutti in piedi, entra il lavoro!” mi ha colpito particolarmente l’intervento della giornalista del Tg1 Elisa Anzaldo. Che, con molta ironia, spiega che ultimamente le troupe del telegiornale dove lavora si trovano sempre al posto sbagliato nel momento sbagliato. Il video è un po’ lungo ma consiglio di vederlo fino in fondo.

Continua a leggere “Come mai i fatti accadono sempre dove noi non siamo?”

Santoro via dalla Rai: un danno per tutti, in primis per l’azienda

Santoro potrà piacere o non piacere, potrà essere considerato un cialtrone o un professionista, può essere simpatico o antipatico. Ma la sua “cacciata” dalla Rai è soprattutto un autogol per l’azienda, in termini di qualità, di ascolti e quindi di raccolta pubblicitaria.

Continua a leggere Santoro via dalla Rai: un danno per tutti, in primis per l’azienda

Se il Tg1 scende sotto quota 4 milioni…

(Fotografia scattata ieri, 20 luglio, intorno alla mezzanotte in un chioschetto di grattachecca sul Lungotevere a Roma)

..vorrà dire che qualcosa non va, vero caro direttore Minzolini? Stiamo parlando di 4 milioni di telespettatori naturalmente. Sarà per caso colpa – oltre che del modo in cui vengono confezionate le notizie di politica, su cui sarebbe necessario un saggio a parte – della sovrabbondanza di questo genere di servizi “leggeri”? E quindi del conseguente graduale abbandono delle notizie serie?

Continua a leggere Se il Tg1 scende sotto quota 4 milioni…

Esclusiva! Il Tg1 che vuole Berlusconi

Incredibile! L’inviato speciale dello Stivale Bucato all’interno delle teche Rai è riuscito a scovare il numero di prova del nuovo Tg1, che inizierà il primo gennaio 2010. Cameraman Daniele Capezzone, regista Sandro Bondi, in redazione Renato Brunetta, al trucco Silvio Berlusconi. In esclusiva per i nostri lettori siamo riusciti a rubare il Dvd e abbiamo pubblicato il cosiddetto “numero zero” su YouTube. La voce è ormai quella del padrone, la libertà di stampa è sparita, la colpa è sempre dell’opposizione (ma dov’è l’opposizione?), il conflitto d’interessi è sempre più vasto… questo è quello che ci aspetta se non riusciremo a cambiare le cose. Ma in realtà accendendo la tv forse nemmeno dovremo aspettare il 2010, perché un Tg1 così c’è l’abbiamo già! Guardare per credere!

Continua a leggere Esclusiva! Il Tg1 che vuole Berlusconi

Pensieri sconnessi dopo la visione de “Il Grande Sogno”

Dopo aver visto “Il Grande Sogno” di Michele Placido, film ambientato durante gli anni della contestazione studentesca del ’68, continuo a pormi – sempre più – diversi interrogativi sull’Italia di oggi.

 

Continua a leggere Pensieri sconnessi dopo la visione de “Il Grande Sogno”

C’è acqua su Marte. Il mio primo servizio a Sky Tg24

Ecco il mio primo servizio fatto stanotte e andato in onda diverse volte durante le edizioni del telegiornale di oggi!

La Nasa conferma che c’è acqua su Marte, e la comunità scientifica internazionale è in subbuglio.

Stasera sono su History Channel!

I lettori più affezionati ricorderanno che qualche tempo fa ho partecipato, da comparsa, alla realizzazione di una puntata della serie “Delitti”, una produzione Wilder.

Stasera, se lo vorrete, potrete guardare in prima visione la puntata (“Il caso Gucci”) alle 23 su History Channel!


Da Bolzano arriva TeleSenior, un bel progetto di Web-tv tutta dedicata agli anziani

→ D@di per Geekissimo.com

Chi l’ha detto che gli anziani sono sempre molto lontani dalle nuove tecnologie? Chi l’ha detto che non possono avvalersi della possibilità di informarsi, in modo semplice, via internet? A Bolzano, proprio per venire incontro alle esigenze degli over-60 (ma gli anziani non erano gli over 75?) è stata lanciata la Web-tv “TeleSenior”, progetto dell’Upda (Università permanente per la terza età di Bolzano). Fra i servizi c’è un telegiornale quotidiano, prodotto da una redazione tutta composta da “seniores”, con servizi curati da giornalisti e operatori del settore. Ovviamente, con notizie sul mondo della terza età.

TeleSenior, spiegano i promotori, è stata ideata per avvicinare gli over 60 al mondo delle nuove tecnologie, dei media e della comunicazione su internet. A questo scopo, continuano, è stato anche creato un portale dedicato al mondo della terza età, curato da un gruppo di lavoro composto da pensionati e casalinghe, che si ritrovano a discutere dei contenuti. Lo stesso gruppo, tra l’altro, crea il telegiornale, focalizzato sui temi della terza età ed incentrato su notizie istituzionali e culturali, con un occhio rivolto al tema della salute.

Andando sulla home page della nuova Web-tv, al momento le rubriche “cultura”, “salute”, “notizie” e “servizi” sono ancora vuote. Facendo partire il player, però, è possibile vedere la prima puntata del telegiornale, condotta da due “arzille” signore. La scommessa, dice una delle due “anchorwomen”, “è quella di dimostrare che anche noi di una certa età possiamo muoverci agilmente e con scioltezza su internet. Non senza imbarazzo e agitazione: non capita tutti i giorni di stare davanti alla telecamera”.

Il telegiornale è fatto davvero bene e soprattutto, guardandolo attentamente, si nota come alle spalle ci siano state moltissime prove e soprattutto una grande cura dei particolari e del linguaggio utilizzato; cura che, a mio parere, è difficile ritrovare nei telegiornali di oggi. Dategli un’occhiata, se volete: mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

Anche Dagospia alla festa di Tre Italia

Ehehe lo sapevo che Dagospia non avrebbe perso l’occasione di pubblicare le foto della maxi-festa della Tre Italia, alla quale ho partecipato anch’io mercoledì scorso.

(Gabriella Sassone per Dagospia – Foto di Umberto Pizzi da Zagarolo)

FESTONE A CINECITTÀ CON LA ROMA GODONA: POLITICI, GIORNALISTI E GNOCCHE
NOVARI LANCIA UN VIDEOFONINO CHE TI REGALA LA RAI, MEDIASET, CURRENT TV
CHICCO TESTA, MARTA MARZOTTO, GENTILONI, BASSANINI, GASPARRI, INNOCENZI

Per fortuna che a salvarci dalla noia mortale e trash-endente della Romanella mondana e presenzialista, c’è Vincenzo Novari, “l’amministrator cortese” della 3 Italia. Appena ha un nuovo prodotto da lanciare o una bella notizia da comunicare, Novari ti apparecchia un festone da mille e una notte, con la complicità della fida pierre Tiziana Rocca che lo segue dagli esordi della sua azienda. Stavolta, ecco scodellato nel felliniano studio 5 di Cinecittà, allestito in black e white, il “Videoparty NighTv”. Del resto, le notizie e i dati da snocciolare nel corso del dinner dallo stesso Vincenzino salito sul palco presentato dal comico Beppe Quintale, non erano di poco conto: da oggi, i clienti dell’operatore che trasmette in dvb-h, oltre che in umts, non pagheranno più nulla per vedere Raiuno, Raidue, Mediaset, Sky Meteo24, Current Tv e La3, nuovo canale autoprodotto. Ma non è tutto: sarà gratuito anche navigare su Internet e scaricare fino a 50 mega al giorno. Novari spiega che queste iniziative faranno lievitare a 5.000 ore di diretta l’anno con ben con 20 format nuovi al via da di settembre. “Siamo già il quarto operatore di tv mobile al mondo, di fronte a noi ci sono solo una società giapponese e due coreane e riteniamo che la tv mobile sia uno dei grandi trend di sviluppo economico dei prossimi dieci anni: al 2011 si calcola che il mercato avrà un fatturato di 20 miliardi di euro e 500 milioni di telespettatori. A novembre 2007 i telespettatori in tutto il mondo sono 50 milioni”, dice l’ad tra una portata e l’altra.

Prima di far ammirare i nuovi spot, on air dall’8 giugno, con protagonista la solita Luciana Littizzetto, ma in una versione “che non ti aspetti”. Ovvero una Luciana meno comica ma seria e introspettiva. Al fianco di Novari, a fare gli onori di casa, la discreta fidanzata Daniela Ferolla, ex Miss Italia 2001 (fu bruciata dall’attentato dell’11 settembre). Antonio Marano, il direttore leghista di Raidue, finalmente sorridente, arriva con la bella conduttrice bionda Chiara Giallonardo, inviata del programma “Piazza Grande” di Michele Guardì. La Marzottissima Marta, caftano maculato, siede al tavolo con Marano. E passa la serata a difendere la nipotina prediletta Beatrice Borromeo, che poi è uno dei suoi sport preferiti. “Ma vi rendete conto? Come gli è venuto in mente alla gente solo di pensare che mia nipote potesse mettersi con uno come Santoro, per lo più sposato!”.

Continua a leggere Anche Dagospia alla festa di Tre Italia

“Vivere” va in pensione, per sempre

“Vivere”, una delle più famose soap italiane, ha chiuso per sempre i battenti dopo ben 2.130 puntate. L’annuncio era stato dato da tempo, e la decisione è arrivata dopo che per diverse stagioni il telefilm aveva fatto segnare un calo di ascolti.

Nel video, l’ultima parte dell’ultima puntata, con una commovente carrellata di tutti i personaggi che si sono avvicendati dal 1999 ad oggi.

MySpace festeggia il suo primo anno in Italia

→ D@di per Downloadblog.it

MySpace, il più popolare tra i social nework, festeggia il suo primo anno di vita in Italia, con un ottimo risultato: 1.270.000 profili di utenti e 2.200.000 visitatori unici al mese.

Per festeggiare al meglio il primo anno di vita, Francesco Barbarani, da poco nominato country manager della società, ha anticipato a Prima Comunicazione che verrà lanciata una nuova Web-tv, per ora in versione beta: “Il progetto – spiega Barbarani – è quello di farne un vero e proprio canale televisivo con un suo palinsesto, composto non solo di contenuti inviati dagli utenti, ma anche di produzioni originali”.

“All’estero – continua – siamo già strutturati come una casa di produzione, stiamo già producendo serie di telefilm per il Web, brevi clip a puntate da 3-5 minuti. Diamo spazio alla comunità dei videomaker e anche ai broadcaster.

In Italia MySpace può contare su un team di circa venti persone. Tra le priorità del nuovo management, la principale è quella di affinare la politica commerciale del sito, basato ovviamente sulla pubblicità (dai banner ai profili aziendali alla sponsorizzazione di concerti ed eventi).